Sagra del Salame Cotto e del Pecorino Romano 2018

La tradizionale Sagra del Pecorino Romano di Nepi non lascia, anzi raddoppia! Già, perché ad affiancare il delizioso formaggio sullo scranno più alto della manifestazione, sarà quest’anno un’altra specialità come il Salame Cotto De.Co., che da poche settimane ha ottenuto la Denominazione Comunale di origine.

E così il tanto atteso appuntamento della primavera nepesina si trasformerà nella “Sagra del Pecorino e del Salame Cotto”, in programma sabato 12 e domenica 13 maggio nella splendida cittadina in provincia di Viterbo.

Ad affiancare queste due delizie saranno tanti altri prodotti tipici della Tuscia e del Bio Distretto, senza dimenticare le ricette tradizionali proposte a pranzo e a cena presso lo stand della Proloco: la vignarola laziale (un piatto contadino a base di fave, carciofi e lattuga), la cipolla bianca al forno e le salsicce e le carni di maiale alla griglia fornite dai norcini locali. Un vero e proprio trionfo di sapori e profumi unici, che per un weekend trasformerà la “città dell’acqua” nella capitale del gusto di un intero territorio.

Il Pecorino Romano Dop – che ancora oggi prende vita nelle stesse località dove è nato, le campagne del Lazio – è una prelibatezza ormai rara, perché la gran parte della produzione è destinata ai mercati stranieri; dal sapore dolce e aromatico oppure piccante e deciso a seconda della stagionatura, può essere grattugiato o servito direttamente in tavola a nobilitare moltissime ricette. Ad affiancarlo per l’edizione 2018 della Sagra sarà il salame cotto, una rarità gustosa e ricercata inventata agli inizi del 900’ da un norcino locale: un prodotto unico nel suo genere, che proprio in primavera sprigiona le sue migliori caratteristiche.

I due “principi” della festa verranno proposti insieme alle fave e alla scapicollata, una particolare pancetta stagionata e insaporita con aromi naturali, alla pizza con cipolla nepesina, piatta e non tonda (Nepi è conosciuta anche come “la città dei cipollari”) e a una ricca selezione delle specialità come il miele, le confetture, il vino e l’olio.

Come di consueto l’evento metterà in vetrina tutte le eccellenze della Tuscia Viterbese: non solo la gastronomia ma anche l’artigianato, il folclore e la musica. E’ il caso, sabato 12 maggio, del Convegno “Prodotti Tipici: Reti e Istituzioni per lo Sviluppo Turistico”, del Mercatino dell’Antiquariato e del Rigattiere e della Mostra Statica “Palio di Borgia” a cura dell’Ente Palio; e ancora della mostra micologica, degli intrattenimenti per i più piccoli,  dello spettacolo musicale “Stornellatori Romani” e del concorso con dolci a base di ricotta romana e degustazione a offerta (il cui ricavato sarà devoluto alla Croce Rossa di Nepi per l’acquisto di una nuova ambulanza) in programma anche il giorno successivo. 

Domenica 13 maggio la manifestazione proporrà l’aperitivo didattico con spiegazione e degustazione dei prodotti tipici delle aziende locali, le attività naturalistiche per i bambini, lo spettacolo musicale itinerante del gruppo “Lestofunky” e il mini tour guidato nel centro storico di Nepi a cura dell’Associazione Esplora Tuscia.

La “Sagra del Pecorino e del Salame Cotto”, infatti, rappresenterà una buona occasione per conoscere una delle cittadine più affascinanti del Lazio, circondata dalle caratteristiche forre, affascinanti gole di millenaria erosione che ne delineano il paesaggio. Immersa in una natura incontaminata, Nepi custodisce gelosamente dei veri e propri gioielli come l’imponente Forte dei Borgia, il sontuoso Duomo con l’interno a 5 navate, l’acquedotto settecentesco e la piazza comunale con l’omonimo palazzo progettato da Antonio da Sangallo il Giovane ed abbellita da una fontana del Bernini; senza dimenticare la Chiesa di S. TOLOMEO, del 1543 su progetto di Antonio da Sangallo il Giovane, per poter accogliere le reliquie dei Santi Martiri, ritrovati nelle Catacombe di Santa Savinilla.

Le Catacombe, intitolate alla matrona che dette sepoltura ai Martiri Tolomeo e Romano, Santi Patroni di Nepi, è il più antico monumento paleocristiano della città ed è uno dei complessi funerari sotterranei più importanti dell’Italia centrale, per la sua grandiosa monumentalità. La Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, ha effettuato una stima di circa un migliaio di sepolture, con decorazioni parietali e iscrizioni funerarie, alcune ancora ben visibili (IV-V sec. D.C.) Il nostro Museo Civico, custodisce tutta una raccolta di reperti provenienti dal territorio nepesino, che è possibile visitare con un percorso guidato. Lo stesso Museo organizza visite guidate nei luoghi storici e paesaggistici più interessanti.

Altri eventi organizzati dalla Pro Loco di Nepi

Feste Patronali 2019

PROGRAMMA Mercoledì 21 Agosto Ore 21:30 Concerto de "I POKERS il Ritorno" Giovedì 22 Agosto Ore 21:00 In preparazione alla solenne festività dei SS Patroni “La Notte Sacra”. Apertura di tutte le Chiese del centro Storico con Riflessioni, Meditazioni e Canti a cura...

leggi tutto

Talent Nepi Show

In occasione della prossima Sagra del Pecorino e del Salame Cotto che si terrà a Nepi nei giorni del 10, 11 e 12 maggio, in collaborazione con il GREG Studio, abbiamo organizzato la Prima Edizione del “Talent Nepi Show”

leggi tutto

Santa Pasqua 2019

Domenica 21 Aprile 2019 alle ore 12:00 la PRO LOCO di NEPI è lieta di invitarvi alla manifestazione che si terrà in Piazza del Comune denominata “L’Albero di Pasqua”.

leggi tutto

Natale in Moto

Venerdì 16 dicembre la Pro Loco Nepi organizza la Manifestazione Natale in Moto alle ore 18:00. Tutti i bambini potranno provare le mini moto da Trial

leggi tutto

0 commenti

Pin It on Pinterest

Share This